Il 21 dicembre 2021 Il Ministero della Cultura (MiC) ha pubblicato il bando per l’attuazione del Piano Nazionale Borghi previsto dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). Sono 580 milioni di euro stanziati per 229 borghi storici e comuni con meno di 5000 abitanti per interventi di rigenerazione culturale e sociale.

C’è tempo fino al 15 marzo per candidarsi ed ottenere la prima parte del finanziamento, 380 milioni di euro a fondo perduto. I comuni possono partecipare in forma singola o aggregata (fino ad un massimo di tre comuni).

omune di castrocielo

Il bando prevede un finanziamento complessivo 580 milioni suddivisi in due linee d’intervento:

  • 380 milioni di euro finalizzati alla realizzazione di progetti in almeno 229 borghi storici (bando attivo);
  • 200 milioni di euro indirizzati per il sostegno ad attività culturali, turistiche, commerciali, agroalimentari e artigianali localizzate nei medesimi comuni (bando non ancora attivo).

I finanziamenti serviranno a riqualificare gli spazi pubblici, rigenerare il patrimonio storico-architettonico, attivare iniziative imprenditoriali e commerciali e favorire l’occupazione sul territorio.

I progetti potranno prevedere interventi, iniziative o attività in ambito culturale, ricerca, welfare, ambiente o turismo. Ogni borgo potrà avere un contributo massimo di circa 1,65 milioni di euro.

 

Perché è importante partecipare?

Perché contrariamente a quanto molti pensano, non riguarda la progettazione strutturale del borgo, ma la conservazione, la tutela e la rigenerazione di storia, arte, cultura e tradizioni presenti nei piccoli centri italiani, un patrimonio infinito che va tutelato e valorizzato ma che, purtroppo, potrebbe rischiare di perdersi a causa dell’abbandono e dello spopolamento di molti borghi. Inoltre l’ingente finanziamento, si parla di oltre 1 milione di euro a borgo, è un’occasione imperdibile per rilanciare l’economia locale, creare occupazione e generare ricchezza per tutto il territorio e non solo per i singolo comune oggetto del finanziamento.

comune di morolo

L’esempio virtuoso della provincia di Frosinone

La particolarità e l’importanza del bando ha portato comuni e Province ad attivarsi sin da subito mettendo su strutture dedicate. La Provincia di Frosinone è tra gli esempi più virtuosi. Ha infatti messo subito in campo una macchina operativa nell’ambito della progettazione legata al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. La macrostruttura istituita dal Presidente Antonio Pompeo, ha attivato una serie di strumenti necessari per supportare le Amministrazioni locali nella stesura dei progetti e nella presentazione delle candidature (come webinar, newsletter).  Un esempio virtuoso di sensibilizzazione dei Comuni verso il tema affrontato dal bando.

 

Un lavoro sicuramente impegnativo, che richiede dedizione ma anche rapidità di azione e attenzione al metodo e ai requisiti richiesti, quello che la Provincia ha avviato con l’obiettivo di rendere pienamente operativo il ruolo di ‘Casa dei Comuni’. Ringrazio ancora i componenti della task force e il dottor Canali: abbiamo tutte le carte in regola per attirare le risorse del Pnrr e tradurle in azioni concrete finalizzate alla crescita e allo sviluppo del nostro territorio. Avanti così!”. (Tratto dall’intervista al Presidente Antonio Pompeo pubblicata sul sito della Pronvicia di Frosinone.

 

L’avviso pubblico, insieme a tutte le informazioni, è pubblicato all’indirizzo https://cultura.gov.it/borghi.

BANDO PICCOLI BORGHI IN SINTESI.

  • 580 milioni di euro a fondo perduto per progetti locali di Rigenerazione Culturale e Sociale.
  • 380 milioni di euro (bando aperto) per la realizzazione di progetti in almeno 229 borghi storici.
  • 200 milioni di euro (bando non ancora attivo) per il sostegno ad attività culturali, turistiche, commerciali, agroalimentari e artigianali localizzate nei medesimi comuni.

A chi è rivolto.

Piccoli comuni singoli o aggregati con popolazione residente fino a 5000 abitanti, con un borgo storico chiaramente identificabile e riconoscibile.

Scadenza: Bando aperto fino alle ore 13:59 del giorno 15 marzo 2022.

 

Shares
it_ITItalian